Penombra di dicembre 2014

Penombra di dicembre 2014

Struttura d’antico romano, atteggiamento da dominatore, voce reboante con cui far echeggiare le aule di giustizia: questi era Cesare d’Angelantonio, abruzzese di nascita ma romano d’elezione, autonominatosi Duca di San Pietro.
Arrivato a noi per una delle tante strade extraprofessionali da lui percorse, dopo un iniziale e rapido incontro a Firenze con Bajardo, cominciò subito a primeggiare anche nella nostra arte. Non fu tra i fondatori del LABIRINTO, ma ne diventò presto il capo (lui diceva modestamente “il direttore onorario”) su iniziativa di Belfagor, il quale voleva al primo posto della neo rivista un personaggio di spicco. E il Duca lo ripagò chiamando a collaborare poeti, giornalisti e quanti altri potevano, tra le sue innumerevoli amicizie, aderire, sia pure di sfuggita, al nostro gioco e inanellando sulle prime pagine del LABIRINTO una collana di splendidi editoriali, dal 1948 al 1970, quando un malore improvviso gli tolse la vita.

Questo l’incipit dell’editoriale di Zoroastro nel numero di dicembre 2014, oggi offerto gratuitamente a tutti lettori del Canto.

E buon Natale!

Cesare

Penombra dicembre 2014
33 Download

Rispondi

Visit Us On FacebookCheck Our Feed