Penombra maggio 2016

da | 1 Maggio 2020

Ci ha annunciato Pippo, della B.E.I., qualche giorno fa:

Credo che mai come in questo caso sia d’obbligo comunicare la scomparsa di una persona anziana usando una classica ‘frase fatta’: oggi, alla bella età di quasi 107 anni, ci ha lasciato il nostro carissimo Zoroastro.

Purtroppo sono ormai molte (troppe!) le mail che ho dovuto fare per comunicare la perdita di amici enigmisti, sempre con tanta tristezza, scrivendole a volte con le lacrime agli occhi. Stavolta però non è così e cerco di spiegare il perché a me e a voi.

Per tutti noi Zoroastro c’è sempre stato: ci siamo ‘formati’ enigmisticamente sui suoi scritti; abbiamo collaborato o risolto sulle ‘sue’ riviste; l’abbiamo visto e ascoltato in tanti convegni; abbiamo ‘preso atto’ (pur sorridendone) di certe sue idee fisse e immutabili …

Credo anche che per noi, e per chi ‘farà’ enigmistica dopo di noi, Zoroastro ci sarà sempre: con le sue pubblicazioni e gli innumerevoli saggi, con i suoi dotti studi storici e le meticolose ricerche bibliografiche, con l’immensa e preziosa biblioteca che lascia …

Grazie, “Zoro”, per tutto quello che nella tua lunga e intensa vita, con indefesso impegno e ammirevole dedizione, hai dato all’enigmistica e a ciascuno di noi.

Pippo

Ci mancheranno gli editoriali che Zoroastro ha per lungo tempo preparato per Penombra, come ancora succedeva in questo numero di maggio del 2016.


63 Download

0 commenti

Rispondi

I nostri argomenti

Rivista Interattiva